Il-Lametino-La-Giungla-in-evidenza

Presentata opera “A sud delle cose” di Bongiovanni a Falerna – Il Lametino – 28 luglio 2015

Il Lametino

di Pasquale Allegro

Falerna – Pasqualino Bongiovanni è un costabiliano fin dentro le viscere, cresciuto a pane e Costabile e tanto per intenderci – visto che insegna materie letterarie – tanto altro companatico ancora. Perché non di solo Costabile vive la poesia del Sud, e questo nuovo poeta nostrum (come per mediterraneo) certo canta di terra e di sudore, di calli zolle e pini loricati, ma non disdegna vita e morte di amori e solitudini senza tempo. L’opera prima e sola di questo nuovo poeta lametino, una raccolta di versi dal titolo “A sud delle cose”, pubblicata per la prima volta nel 2006, ha già attraversato traduzioni in spagnolo e inglese, e ora è in attesa dell’edizione francese; così per l’occasione l’associazione culturale “Magie d’autore” ha presentato questo libro lunedì 27 luglio, presso il residence La Giungla di Falerna Marina. In qualità di presidente dell’associazione, Agostino Porchia ha introdotto la figura di Bongiovanni citando la nota di presentazione che lo scrittore Mario Rigoni Stern ha dedicato alle sue poesie, “così amare e così cariche di ricordi di una terra amatissima e sofferta”. La blogger Ippolita Luzzo, ex insegnante dedita a disseminare il web di questioni letterarie, ha parlato di “una poesia attenta e semplice”, eppure così distante dall’approccio emozionale così diffuso tra i cosiddetti poeti della domenica, in quanto quella di Bongiovanni è una poesia che “vuole guidare il lettore fin dentro la scena che il poeta ha visto, con metodo, per non essere in balia degli impulsi”. Per meglio descrivere la capacità del poeta di “svelare l’istante come in un quadro”, Ippolita Luzzo ha letto i versi di Morte di un contadino, con tutti quei “saluti/con cappelli/di polverosa umiltà”.

Intervento di Giovanna Villella (da sx: Giovanna Villella, Ippolita Luzzo, Pasqualino Bongiovanni)

Giovanna Villella, insegnante e traduttrice, si è soffermata a sottolineare il valore della traduzione della versione francese della raccolta: “Si dice che tradurre sia un po’ tradire – ha spiegato – perché ogni parola ha un vissuto, e se, come in questo caso, si riesce a tradurre tutto questo, vuole dire che è un lavoro riuscito”. Per Villella la poetica di Bongiovanni è come intinta nell’acqua e scolpita nella pietra, per quella liquidità con cui le parole scorrono tra i versi per poi emergere in una delicata catarsi (“quell’ombra/mi volto/ancora/a cercarla”, dalla poesia L’ombra), e per quella durezza che richiama lo scalpellino con cui il poeta leviga quelle stessa parole, ma con Mani di donne, “mani d’inchiostro/immerse nel mosto”. Per concludere, Pasqualino Bongiovanni ha ricordato la sua vicinanza con il poeta Franco Costabile, quella che è una dimensione di lirica empatia tra stagioni diverse della poesia, nel modo di guardare le cose e di restituirle alla “profondità e autenticità del verso”, in quel medesimo sguardo intimo e quasi abissale sulle cose del mondo che fa del poeta un cantore meridiano.

La giungla in evidenza 2

Presentazione di “A sud delle cose” – Falerna Marina – 2015


L’ Associazione Culturale “Magie d’autore” presenta:

“A sud delle cose” di Pasqualino Bongiovanni

Conversano con l’autore Ippolita Luzzo e Giovanna Villella
Introduce: Augusto Porchia, Presidente Associazione Culturale “Magie d’autore”

Lunedì 27 luglio 2015 – ore 18.30 – Residence “La giungla”
Località Petraro – Falerna Marina (CZ)

A sud delle cose - la giungla - in evidenza

Presentazione “A sud delle cose” – 27 luglio 2015 – Falerna (CZ)

A sud delle cose - la giungla

L’Associazione Culturale “Magie d’autore” presenta:

“A sud delle cose” di Pasqualino Bongiovanni

Conversano con l’autore Ippolita Luzzo e Pasquale Porchia

Lunedì 27 luglio 2015 – ore 18.30 – Residence “La giungla”
Località Petraro – Falerna Marina (CZ)

(Guarda la galleria fotografica dell’evento)

Letti di notte - la notte bianca del libro e dei lettori

“Letti di notte – la notte bianca del libro e dei lettori – Lamezia Terme, 20 giugno 2015”

Letti di notte - la notte bianca del libro e dei lettori

“Letti di notte – la notte bianca del libro e dei lettori – incontro con la poesia”                                            

La Calabria di Franco Costabile e di Pasqualino Bongiovanni, musica del Trio jazz Scaramuzzino band

Sabato 20 giugno  – ore 21.00

Libreria “Sagio Libri” Di Savina Ruberto

Viale G. Nicotera, 129 –  Lamezia Terme (CZ)

Evento creato per CAI – Club Alpino Italiano – Catanzaro

Guarda la galleria fotografica

Speciale Passalibro-in evidenza

Papa Francesco riceve le poesie di Bongiovanni nell’edizione argentina

PAPA FRANCESCO RICEVE LE POESIE DI BONGIOVANNI NELL’EDIZIONE ARGENTINA

Banner Speciale Passalibro
Speciale Passalibro: dal Molise giunge a Papa Francesco la copia numero zero di “Al sur de las cosas”

L’Università delle Generazioni di Agnone (IS) ha avuto l’idea – nell’ambito dell’attività del Passalibro – di creare e di mettere in circolo una copia speciale della raccolta di poesie di Bongiovanni inviandola a Papa Francesco. Si è scelto di far pervenire al Pontefice  “Al sur de las cosas”, ovvero la traduzione argentina di “A sud delle cose” a cura di José Maria Carcione pubblicata a Buenos Aires nel 2012 in edizione bilingue. Tale copia, per distinguerla dalle altre copie del Passalibro che stanno circolando in Italia, è stata contraddistinta come copia numero zero. Non è certamente sbagliato ritenere che Papa Francesco rappresenti la migliore e maggiore personalità che possa apprezzare e gustare tale opera visto che le tematiche evidenziate dal poeta calabrese sono tanto care al suo pontificato.
L’Università delle Generazioni di Agnone aveva recentemente aderito all’iniziativa “Passalibro” promossa dalla redazione del sito ufficiale di Pasqualino Bongiovanni prendendo in lettura la copia numero cinque di “Al sur de las cosas” per affidarla subito dopo all’italo-argentina Patricia Angela Vecchiarelli, nata a Moron (Buenos Aires) nel 1971 e tornata 24 anni fa ad Agnone, paese natìo dei genitori. Del Dott. Domenico Lanciano è stata poi l’idea di creare la copia speciale di “Al sur de las cosas” e di inviarla a Papa Francesco.
L’iniziativa “Passalibro” promossa dalla redazione del sito ufficiale di Pasqualino Bongiovanni si ispira al movimento internazionale “Book-Crossing” (libro-incrociante, letteralmente) nato negli Stati Uniti d’America nel marzo 2001 ad opera di Ron Hornbaker e di sua moglie Kaori. L’iniziativa ottenne immediatamente un grande successo in tutto il mondo, tanto è che ogni anno, tra molteplici altre iniziative attinenti, si celebrano le “Giornate internazionali del libro-viaggiatore”. In Italia tale idea è stata rilanciata nel 2002 dalla trasmissione “Fahrenheit” di Rai Radio Tre e continua ad avere sempre molti seguaci, anche sotto altra denominazione (gira-libri, libera-libri, libri-liberi, passa-libro, ecc.).
La condivisione gratuita dei libri è il principio fondamentale del “Book-Crossing”. Tale condivisione avviene sotto diverse forme. La più comune è quella di lasciare un qualsiasi libro (già contrassegnato come facente parte riconoscibile di tale esperienza collettiva) su una panchina, sui sedili di treni, autobus, aerei, al bar, ecc. badando però di comunicare ad un apposito sito web la localizzazione del libro, dove preso e  dove lasciato. Invece nell’iniziativa del “Passalibro” promossa dalla redazione del sito di Pasqualino Bongiovanni si richiede esplicitamente che il libro contrassegnato non venga abbandonato, ma venga passato direttamente a persona che si ritiene possa essere interessata a gustarlo e, a sua volta, passarlo ad altra persona adatta ad apprezzarlo.

Il quotidiano del Molise-in evidenza Il Sannio-in evidenza Micelotta - in evidenza

Libriamoci 2014 – “A sud delle cose” si legge nelle scuole

Libriamoci 2014 – “A sud delle cose” si legge nelle scuole

Anche Pasqualino Bongiovanni – con la sua raccolta poetica dal titolo “A sud delle cose” – ha partecipato dal 29 al 31 ottobre a “Libriamoci”, l’iniziativa promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) e da quello dei Beni culturali e delle Attività culturali e del Turismo (Mibact), insieme al Centro per il libro e la lettura. A tale iniziativa sono state invitate a partecipare tutte le scuole, statali e paritarie, dalla materna alle secondarie di II grado. Si è trattato di un grande momento per ridare valore e centralità alla lettura in un Paese dove i dati segnalano, purtroppo, scarso amore per i libri. Ancora una volta è stata la scuola a dare l’esempio liberando la lettura nelle classi con l’aiuto di attori, scrittori, autori, musicisti, intellettuali e politici che hanno letto brani ad alta voce in classe riscoprendo grandi classici o portando in aula volumi freschi di stampa. Bongiovanni ha incontrato gli alunni di alcune scuole secondarie di primo grado della provincia di Catanzaro; si è trattato delle scuole di Pianopoli, Acconia e Curinga. Nelle scuole di questi due ultimi centri le letture di poesie scelte dalla raccolta “A sud delle cose” sono state a cura dell’attore Alberto Micelotta il quale con grande maestria ha saputo coinvolgere ed entusiasmare gli alunni catturando pienamente la loro attenzione e motivandoli all’ascolto.

Alberto Micelotta, torinese, è attore teatrale e cinematografico, regista, producer di video musicali e trasmissioni televisive, speaker, doppiatore. Ha partecipato come attore alle ultime produzioni cine-televisive di Giuliano Montaldo e Marco Tullio Giordana. Attualmente sta lavorando ad alcuni progetti realizzati dal Sistema Bibliotecario Vibonese ed al suo primo lungometraggio. Recentemente ha pubblicato “Il veleno e la medicina – dialoghi contro il femminicidio e la violenza domestica” (Ferrari editore). Il libro è nato da un suo monologo teatrale in cui viene  messa in scena la confessione di un uomo condannato per il tentato omicidio della propria moglie, e la descrizione della faticosa strada per trasformare quella colpa in una risorsa per la comunità.