spurio-asuddellecose

Lorenzo Spurio recensisce “A sud delle cose” su Blog Letteratura e Cultura

spurio-asuddellecose
Lorenzo Spurio recensisce “A sud delle cose” su Blog Letteratura e Cultura

La nuova edizione di A sud delle cose (Lebeg, Roma, 2017) del calabrese Pasqualino Bongiovanni (la prima edizione risale al 2006),  s’inserisce in quell’ampio filone della letteratura nostrana (ancor più vivido negli anni ’70 e ’80) teso a indagare con costanza, rispetto e profonda serietà, la situazione socio-economica e identitaria di una terra definita come meridionale, posta a Sud del Belpaese. Molta letteratura, più o meno colta, più o meno ricordata e studiata nelle scuole oggigiorno (mi riferisco al vero caso nato in seguito alla decisione del Ministro Maria Stella Gelmini nel 2010 di cancellare dai programmi scolastici lo studio di alcuni significativi e imprescindibili intellettuali meridionali quali Alfonso Gatto, Leonardo Sciascia, Rocco Scotellaro, Francesco Jovine, Leonardo Sinisgalli, solo per fare degli esempi)[1] fece suoi i motivi d’indagine della comunità di provincia, di ambienti lontani dai centri propulsivi mettendo nero su bianco le potenzialità e gli orgogli dell’animo contadino e, dall’altro, le idiosincrasie diffuse nell’affare pubblico, le forme degenerate nell’esercitazione del potere, la corruzione e tutti quei sistemi deviati che portano il cittadino sano a sentirsi, nel suo ambiente, a sentirsi inascoltato, prevaricato e offeso dalle bieche logiche personalistiche o di gruppi più ampi.
CONTINUA A LEGGERE su Blogletteratura.com

pino-loricato-audio

ODE AL PINO LORICATO

slide audiolibro per audio-poesie

 

ODE AL PINO LORICATO

C’erano un tempo
valorosi guerrieri di pace
che per voto
si ritirarono sui nostri monti
a guardia delle nuvole.
Poi,
tramutatisi in alberi,
scelsero con coraggio
di morire in piedi
e rimanere così
per sempre tra i vivi
senza la gloria
della vittoria
o dei morti in battaglia.

Abbarbicati
a pareti di roccia
o disseminati
tra i massi erratici
dei pianori,
alla pioggia
diedero in pegno
parte della terra
custodita gelosamente
ai loro piedi.
Al vento
donarono
aghi d’argento
come bottino.
Ai fulmini tiranni
sacrificarono
i rami più belli
e a volte
la stessa cima.
Il tempo ed il gelo
pagarono infine
con la propria corazza
cedendo ogni lorica
come lascito
di antiche monete.

Così,
ancora oggi
nelle notti di stelle
alberi d’avorio
ingannano l’eterno
con la complicità
della luna.

(da “A sud delle cose” – Roma, 2017 – I ed. 2006)

Ascolta le altre audio-poesie(pulsante)

Bruxelles - slide

“A sud delle cose” all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles

istituto italiano di cultura di BruxellesL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI BRUXELLES
e L’ASSOCIAZIONE CALABRESI IN EUROPA DI BRUXELLES

INVITANO

ALLA PRESENTAZIONE DELLA

CALABRIA DA VIVERE E DA SCOPRIRE

Il mare, la quiete della natura, i borghi incantati, solarità:
una serata per scoprire un territorio ricco di bellezza, cultura, tradizioni e sapori

giovedì 8 maggio, ore 18.00
presso l’Istituto Italiano di Cultura
Rue de Livourne, 38 – 1000 Bruxelles

Proiezioni, musica, letture poetiche, degustazione di olio, confetture e prodotti tipici calabresi.
L’accoglienza, la genuinità della cucina, il relax nella natura incontaminata, e poi scuola di italiano, laboratori di cucina e tanto altro raccontati da imprenditori e artisti calabresi.
Come innamorarsi della Calabria con una vacanza tutta da vivere.

—————–

Introduce e presenta la Calabria
Beatrice Marzano – guida turistica

Presentano le strutture turistiche
Clelia Iemma – Agriturismo Livadia, Gizzeria – CZ
Mariangela Costantino – Agriturismo Costantino, Maida – CZ
Stefano Diano – Grand Hotel President, Siderno – RC

Presenta i corsi di italiano e cucina
Doretta Grandinetti – Meeting Service,
Agenzia di organizzazione eventi e servizi per turismo, Lamezia Terme

Presentazione della raccolta di poesie A sud delle Cose
di Pasqualino Bongiovanni, alla presenza dell’autore
Introduzione a cura di
Aldina Mastroianni – Poetessa e pittrice
Letture in lingua francese a cura di
Marie Marazita – traduttrice dell’opera in francese

(Guarda le foto)

Margutte - febbraio 2014

A sud delle cose – To the South of Things – Margutte – febbraio 2014

Margutte1di FRANCES FAHY

Per comprendere appieno il titolo della raccolta di poesie di Bongiovanni è forse utile sapere che nella mentalità italiana “sud” è spesso sinonimo di primordiale e, in un certo qual modo, di ancestrale. Ancora di più nella mentalità di quella gente del Sud che prova la sensazione primitiva di sentirsi completamente radicata in un luogo da cui è impossibile staccarsi ma verso il quale è quasi disdicevole nutrire affetto.

In questi versi amore, amarezza, rabbia, rassegnazione, incomprensione, gelosia si intersecano e si offuscano a tal punto da far emergere qualcosa di nuovo, una sensazione quasi impossibile da definire.

Bongiovanni è consapevole che il tempo può essere diluito e cristallizzato.

Qui nella piana niente di nuovo,
amici miei,
è solo vita che scorre…
… grigia e stanca
come l’acqua del fiume
dopo le cascate
e le bianche schiume. (E’ solo vita che scorre)

Ma è consapevole anche che il cambiamento è costante e inevitabile e, a tratti, impercettibile. A volte sembra abbracciare i mutamenti, altre volte invece, da essi si sente offeso, come se l’atto di riconoscere il cambiamento fosse già di per sé tradire .

I suoi versi cesellati contengono suoni di voci che riecheggiano tempi andati. Ascolta, e percepisce anche, nuove voci. Le assorbe, ma non le sente proprie.

Si sente più a suo agio con i suoni lamentosi, quasi arcaici, di un tempo indefinito che ora esiste soltanto nella nostra memoria collettiva. In realtà questa “lamentela” può diventare uno struggente auto compiangersi.

Non c’è cosa più amara
che esser solo la sera
e aver voglia di uscire,
di parlare a qualcuno,
e chiamando al telefono
non trovare nessuno. (In una sera d’estate)

I suoi versi sono immagini in bianco e nero – nitidi, caustici , singolari. Sono i suoni di gente che conosce il valore di ogni parola e di ogni pausa: alcune preziose, altre impacciate.

Dov’è la luce
che secca
la terra sotto i piedi,
la gramigna tra le dita? (Preghiera)

(traduzione di Giuliana Manfredi)

Pasqualino Bongiovanni, “To the South of Things. A Sud delle cose”, Insitute of Italian Studies, Lakehead University, Canada (edizione bilingue).

Costa Jonica Web 26 agosto 2013

Il Sud placentare: “A sud delle cose” del calabrese Pasqualino Bongiovanni e “A sud del mio cuore” del siciliano Pippo Pollina – Costajonicaweb.it – 26 agosto 2013

CostaJonicaWebCaro Tito, il prof. Felice Campora, brillante scrittore e poliedrico artista di Amantea (Cosenza), il 21 agosto 2013 mi ha inviato per mail una preziosa ed illuminante frase pubblicata nel 1939 dalla storica Geltrude Slaughter, docente all’Università del Wisconsin (USA), nel libro “Calabria the first Italy” (Calabria la prima Italia): “E nella mia mente giunsi alla conclusione che la Calabria è uno dei più importanti e meno conosciuti centri delle forze che hanno fatto il nostro mondo moderno”. Egualmente può essere detto della Sicilia, isola prediletta dagli Dei del Mediterraneo e dalla Storia. Calabria e Sicilia sono e rappresentano il Sud più profondo e più vero, italiano ed euro-mediterraneo. Nonostante le tante (forse troppe) contraddizioni (ma chi non le ha, palesi o nascoste?), i nostri popoli calabro-siculi hanno avuto in sorte, quasi per splendida compensazione, tutto un caleidoscopio di antiche saggezze, di lussureggiante natura, di grandi valori, di intensi sapori e universali saperi, di seducenti suggestioni tali che da millenni restano sempre vivi, esuberanti e significativi nel mondo. edizione spagnola a sud delle cose E’ questo il nostro Grande Sud, “opposto” al Grande Nord … Nord del mondo che, alla prova dei fatti, sta “imponendo” al Sud del mondo la propria visione delle cose (industrializzazione irrazionale che necessita di un consumismo bulimico altrettanto irrazionale, prosciugamento rapido delle risorse naturali e conseguenti moltiplicazioni di conflitti d’ogni genere, con fortissimi ed insostenibili squilibri, suscitando desideri inutili e dannosi senza cercare di risolvere i veri bisogni fondamentali della gente). Ma è possibile rovesciare tale visuale e vedere le cose dal Sud o, meglio, dalla parte del Sud, usando la parola magica del “riequilibrio”?…

 bozza-manifesto-Suden 12.08.2013 veronaCosì, ci stanno provando in tanti ad evidenziare le “ragioni e le regioni del Sud” per avversare questa corsa sfrenata del Nord verso la disgregazione del nostro pianeta. Basta troppo Nord! Fermiano il Nord! Facciamolo ragionare! Aiutiamolo a riconciliarsi con la vera Vita, la vera Natura, la vera l’Umanità! Usiamo le antiche e salvifiche spiritualità del Sud per guarire le follie del Nord. La “slow life” (la vita a misura umana) contro la “fast life” (vita veloce, ma per andare dove?). Sud life!… Il senso della misura, dell’armonia e del riequilibrio, la frugalità, la solidarietà e la reciprocità contro gli egoismi e gli eccessi di ogni genere. Riequilibrio, riequilibrio, riequilibrio! A tale proposito, il poeta calabrese Pasqualino Bongiovanni e il cantautore siciliano Pippo Pollina fanno parte proprio di quel genere di Calabria e di Sicilia che, espressione del migliore Sud del mondo, non è ancora caduto nelle tentazioni, nella corruzione e nelle complicità della disastrosa filosofia del Nord del mondo. Entrambi questi intellettuali, come tanti altri, tentano di dare l’allarme per evitare il peggio ai danni dell’Umanità e dell’intero pianeta. E propongono, appunto, di dare spazio al Sud, evidenziando che c’è un “Sud” in tutte le cose. Persino il cuore ha un proprio “Sud”.

Bongiovanni

Pasqualino Bongiovanni (www.pasqualinobongiovanni.it) è nato nel 1971 a Lamezia Terme (Catanzaro). Ha conseguito il diploma di chitarra classica al Conservatorio di Foggia e la laurea in lettere alla Sapienza di Roma. Insegna materie letterarie nelle scuole, tiene corsi di chitarra ma, soprattutto, amando i grandi valori culturali e civili, si impegna fortemente nella valorizzazione di temi e personaggi che hanno valenza universale (come, ad esempio, il compianto poeta Franco Costabile) oppure i diritti civili dei più deboli (come i migranti). Ho conosciuto personalmente il prof. Bongiovanni a proposito della pubblicazione del suo primo libro di poesie (segnalatomi da mia cugina Mariagiovanna Lanciano di Soverato) “A sud delle cose” (Roma, 2006), un titolo che è tutto un programma, tutta una visione sociale a 360 gradi, tutto un ribaltamento del consueto impostoci dalle culture egemoni che vogliono il “Nord” pensiero unico ed imperialista (infatti “Prima il Nord!” … continuano a pretendere, delirando ancora, taluni). E devo dire che questa “Opera prima” di Pasqualino mi ha entusiasmato davvero tanto, pure perché in linea con i miei intendimenti, con tutte le mie “lotte” socio-culturali di sempre, specialmente per il “riequilibrio” locale e globale (bisognerebbe realizzare capillarmente le Università del Riequilibrio!). E mi entusiasma la persona e, in particolare, l’intellettuale che, mite e assai operoso, non si risparmia per la buona cultura e in particolare per la propria terra. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti, pure internazionali, e porta il suo attivismo e la sua testimonianza ovunque venga chiamato, anche all’estero, specialmente nei paesi di emigrazione dove c’è maggiore sensibilità alle tematiche coltivate e portate avanti da questo artista calabrese. Infatti “A sud delle cose” è già stato tradotto in lingua spagnola da José M. Carcione come “Al sur de las cosas” (Buenos Aires 2012) e in lingua inglese da Giuseppe Villella come “To The South of Things” (Thunder Bay, Ontario, Canada 2013) e continua ad essere presentato, sempre con grande successo ed interesse, in Italia e all’estero.

 pippo-pollina_abitare_il_sogno - libroAltro artista che mi ha entusiasmato è il cantautore europalermitano Giuseppe Pollina, detto Pippo (1963) “www.pippopollina.com” il quale ha appena concluso a Verona (12 agosto 2013) il suo “inno al Sud” ovvero “SUDEN” indicazione che ha dato il titolo al CD e al lungo “tour” musicale 2012-2013 condotto con tanta solarità in giro per l’Europa assieme ai suoi due eccellenti compagni di viaggio, i cantautori tedeschi Werner Schmidbauer (Monaco di Baviera 1961) e Martin Kalberer (1967). La canzone che ha esaltato ed affascinato maggiormente l’anima del loro pubblico è “A sud del mio cuore” (Im Suden Von Meim Herzen). Pure questo titolo (come quello di Pasqualino Bongiovanni “A sud delle cose”) fa intravedere un ribaltamento della visione delle cose così come dei sentimenti. Titolo che mi riporta alla mente il radiodramma di Giuseppe Patroni Griffi (1921-2005) “Il mio cuore è nel sud” presentato nel lontano 1950. Titolo che mi ricorda pure la canzone “Camera a Sud” (1994) di Vinicio Capossela “www.viniciocapossela.it” (cantautore, nato in Germania da genitori irpini, Hannover 1965) il cui testo invita ad andare “a sud di se stessi”. E (semplice coincidenza?) … trovo a tale proposito, in una veloce ricerca su internet, anche i versi di una poesia di Carlo Manni, postati il 13 luglio 2013 in “www.carlomanni.altervista.org” con il medesimo titolo “A sud del mio cuore”. Non voglio scomodare altri, nemmeno coloro i quali hanno fatto del Sud la loro fede, la loro scelta di vita e la grande letteratura mondiale… noi che siamo del Sud e nel Sud sappiamo benissimo cosa è veramente e “naturalmente” il Sud!… Però mi sembra utile segnalare almeno il sito “www.salvatoremongiardo.com” per la consultazione gratuita delle Opere con le quali Salvatore Mongiardo (Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, 1941) cerca di dimostrare la missione storica e salvifica proveniente dal Sud, dal Mediterraneo e, in particolare, dalla Calabria. C’è bisogno di più Sud nel mondo! E il Sud, in effetti, sta tornando sempre più di moda, specialmente nelle nuove generazioni meridionali, anche se queste vivono ad esempio in Padania come il cosentino Francesco Maràno il quale, assieme ad altri amici, ha fondato e molto utilmente conduce “http://latitudinesud.blogspot.it” o come Domenico Condito, calabrese di Milano, che anima un altro sito www.utopiecalabresi.it. E ci sono sempre più manifestazioni, associazioni ed eventi che tendono a rivalutare il Sud italiano e tutti i Sud del mondo. Pensiamo, giusto per fare un esempio, alla significativa esaltazione e al sempre maggior successo della “taranta” o “pizzica” o “tarantella” … ballo liberatorio come i tanti balli dei Sud del mondo. Tarantella power! Sì, bisogna liberare il Sud, esorcizzando il Nord!!!

 E mi chiedo se, in fondo in fondo, caro Tito, tutto questo “A sud delle cose” e questo “A sud del mio cuore” non sia, poi, tutto sommato, quell’antichissimo e saggio proverbio che invita tutti semplicemente ed umilmente a mettersi nei panni degli altri per meglio comprenderli ed amarli, poiché capendo di più gli altri (Nord compreso) si capisce inevitabilmente e maggiormente se stessi. Noi negli altri, gli altri in noi! E mi chiedo, altresì, cosa sia in pratica il frenetico e generalizzato ricorso al “Sud delle vacanze”. Pare che la vacanza sia vacanza e rigenerazione, soltanto se si va a Sud. E noi stessi del sud Mediterraneo cerchiamo di andare ancora più a Sud. Ho provato a fare una vacanza al Grande Nord scandinavo e Capo Nord nell’agosto 1993 … tutto bello, tutto interessante, persino entusiasmante … ma per sentirsi veramente in vacanza c’è bisogno di caldo, di bel tempo, di colori e sapori, di solarità, di espansività umana … insomma … di Sud!… Soltanto a Sud si può fare un “pieno” di sensazioni, di suggestioni, di magie che possano appagare l’anima … soltanto a Sud possiamo incontrare meglio noi stessi e … gli altri! Forse solo “nel Sud” si può convergere tutti verso la felicità e l’armonia!

Dunque, mi sembra di capire che c’è nelle nostre vite un “Sud onnipresente” (vissuto o agognato) senza il quale è quasi impossibile esistere, poiché quasi sicuramente è almeno “l’altra metà del mondo” ma anche “l’altra metà di noi stessi”. Almeno almeno. Un Sud che per tanti, come per me, è un “Sud placentare”. Un Sud che è tutti i Sud del mondo, tutti i Sud di noi stessi. Una dimensione con cui inevitabilmente bisogna confrontarsi. Un bisogno inesprimibile ed insostituibile. Non si può sfuggire al Sud come non si può sfuggire a se stessi e… agli altri! Infatti, si ricorre al Sud come per evadere da una prigione, dorata magari, ma sempre una prigione!… E, allora, lavoriamo perché il mondo abbia tanto più Sud per tentare di “riequilibrare” i popoli. Cerchiamo di realizzare l’Unione dei Sud! Umanizziamo ed umanizziamoci sempre più come intende principalmente il Sud. Salveremo noi stessi e, soprattutto, il pianeta! Cordialità.

domenico-lanciano-150x150

Domenico Lanciano

unical

Festivart – Unical – Arcavacata di Rende (CS) – 26 maggio 2008

unicalFestivart

UNICAL – Università della Calabria

26 maggio 2008 – ore 20.45

“Verso il verso” – invito alla poesia a cura di Antonio De Rose
- incontro fra autori e pubblico

Centro Arti Musica e Spettacolo dell’Università della Calabria
Piccolo Teatro Unical – Arcavacata di Rende (CS)

Pontile Lamezia

“Oggetti instabili – Pontile Lamezia Nuove Ipotesi” 29 settembre – 06 ottobre 2007

Pontile Lamezia“Oggetti instabili – Pontile Lamezia Nuove Ipotesi”

29 settembre – 06 ottobre 2007

mostra>evento a cura di 400 KC

ex consorzio agrario
Piazza F. Fiorentino – Lamezia Terme (CZ)

poesia

Letture animate di “A sud delle cose” a cura di Pròposis – Roma – 14 aprile 2007

Proposis: letture animate A sud delle coseLetture animate di “A sud delle cose”

14 aprile 2007 – ore 18.30

letture animate della raccolta di poesie “A sud delle cose” di Pasqualino Bongiovanni a cura della Compagnia Teatrale Próposis

Tuma’s book bar
Via dei Sabelli, 17 (quartiere San Lorenzo) – Roma